Sostituzione bombole GPL: arriva la riforma del Codice della Strada

Sostituzione bombole GPL: arriva la riforma del Codice della Strada

Il Decreto Semplificazioni sta portando tanti cambiamenti nel settore dell’automobile, uno dei quali riguarda le vetture dotate di impianto GPL o metano, che per motivi di sicurezza, periodicamente hanno l’obbligo della sostituzione programmata delle bombole.

Questa riforma del Codice della Strada ha l’intento di alleggerire e semplificare il carico, già oltre il limite, della Motorizzazione, rendendo più snelle tutte quelle prassi legate al mondo del GPL.

Le due grandi novità introdotte riguardano le procedure di collaudo dei nuovi impianti, che possono saltare la presenza obbligatoria di un funzionario della Motorizzazione e appunto, la sostituzione decennale delle bombole del gas, che ora potranno essere cambiate e gestite in maniera completa e autonoma dalle autofficine appositamente equipaggiate e dotate dell’attrezzatura necessaria per poter svolgere le operazioni, anche a livello burocratico e amministrativo, connesse alla sostituzione dei serbatoi.

Questa svolta ha inoltre spinto Assogasliquidi, l’associazione di Federchimica che rappresenta le imprese del comparto distribuzione gas liquefatti, a fare richiesta al Governo per degli incentivi riguardanti l’installazione di impianti GPL e metano delle auto di classe euro 4 e 5 a benzina e gasolio, ponendo la luce su tutti quegli automobilisti che non possono acquistare un’auto nuova, ma posseggono un mezzo che potrebbe continuare a circolare se convertito a gas.

Se reputi che i nostri approfondimenti siano utili, continua a seguirci. Alla prossima!

Utilizziamo Cookies tecnici e/o Plugin per il regolare funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi