Stellantis disdice il contratto con tutti i concessionari: dal 2023 nuova rete di vendita

Stellantis disdice il contratto con tutti i concessionari: dal 2023 nuova rete di vendita

Stellantis ha dato il via ad una decisiva riorganizzazione della sua rete di distribuzione europea. Il gruppo ha infatti comunicato a concessionari e punti di assistenza la volontà di disdire i contratti in essere entro il mese di giugno 2023.

Fra le motivazioni, vi sono i cambiamenti indotti dall’elettrificazione e dalle vendite online, il raggiungimento dei risparmi previsti negli accordi della fusione tra FCA e PSA e l’adeguamento alle nuove normative europee. Infatti, il 31 maggio 2023 scadrà la Block Exemption Regulation (BER) europea numero 1400/2002 ed entrerà in vigore la nuova BER 461/2010.

Nella decisione di Stellantis c’è quindi il recepimento di questa BER, che distingue tra la vendita dei veicoli, il commercio dei ricambi e i servizi di riparazione/manutenzione.

I costruttori potranno dunque proporre alle loro reti contratti differenti per queste funzioni. Il concessionario potrà svolgere più funzioni: vendita veicoli nuovi, distribuzione ricambi ed erogazione di servizi di assistenza, manutenzione e riparazione.

Questo nuovo modello porterà benefici ai clienti, alla rete di distribuzione e alla stessa Stellantis, grazie ad un approccio multimarca e multicanale, creando un ecosistema più efficiente e sostenibile al passo con l’evoluzione del settore automobilistico.

La BER attuale ha permesso esenzioni dai regolamenti antitrust alle Case automobilistiche che, per esempio possono imporre alle reti di vendere solo i loro prodotti e dove venderli. Dal 1° giugno 2023 queste esenzioni si ridurranno e si avrà più concorrenza e minori vincoli contrattuali.

La drastica mossa di Stellantis ha suscitato allarme, ad esempio nell’associazione europea dei concessionari e riparatori di veicoli CECRA. Non si esclude, che la rivoluzione avviata da Stellantis porti i rivenditori in una situazione di difficoltà, considerando che al momento non tutti i concessionari sono stati contattati e che non c’è ancora una lettera d’intenti da parte di Stellantis.

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci. Alla prossima!

Utilizziamo Cookies tecnici e/o Plugin per il regolare funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi