Adblue: cos’è e perché l’Italia rischia di rimanerne senza

Adblue: cos’è e perché l’Italia rischia di rimanerne senza

A Ferrara, ci si occupa del 60% della produzione di AdBlue sul mercato, ma l’Azienda Yara l’ha fermata per quattro settimane. La Società, aveva già deciso di fermare temporaneamente il suo impianto produttivo per via dell’aumento del prezzo del metano. Questa decisione potrebbe lasciare l’Italia a corto di AdBlue.

Si tratta di un prodotto fondamentale per diminuire le emissioni dei motori Diesel. Durante un’intervista, Francesco Canterini – rappresentante legale di Yara in Italia, ha dichiarato che “Ferrara produce una quota importante del mercato: se dovessimo avere un fermo per troppo tempo, il sistema italiano non sarebbe in grado di fornire prodotto fondamentale per abbattere le emissioni di ossido di azoto. AdBlue, non serve solo per produrre fertilizzanti, ma serve anche per prodotti industriali. Un elemento molto importante per l’economia, utilizzato per mezzi Euro 5 ed Euro 6. I Camion che non hanno AdBlue, non possono circolare”. Canterini ha dichiarato inoltre, che si muoveranno a livello politico sia in Europa che in Italia per cercare di trovare una soluzione a questo problema.

In conclusione, Francesco Canterini sostiene che in Italia sono gli unici a produrre AdBlue e in Europa hanno chiuso la metà dei produttori, perché hanno ridotto o addirittura fermato la produzione. L’unica alternativa è quella di importare il prodotto dall’estero in quanto la chiusura degli stabilimenti europei e le limitate capacità logistiche che ci sono in questo momento, non possono sostituire in breve tempo la produzione che avviene a Ferrara.

Se questo argomento ti è piaciuto, continua a seguirci per altre novità. Alla prossima!

Utilizziamo Cookies tecnici e/o Plugin per il regolare funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi